IL GOVERNO CONSIDERA UN TEST SUL PARTNER PER IL SUPPORTO AI PROFESSIONISTI AUTONOMI PER FAR FRONTE AL CORONAVIRUS

Il Governo olandese sta valutando l’introduzione di un test sui partner in relazione al sostegno dato  ai lavoratori autonomi senza dipendenti (liberi professionisti ) per far fronte alla situazione “Coronavirus” . I piccoli imprenditori che possono fare affidamento sul reddito del proprio partner non possono più utilizzare il regime di ponte temporaneo per gli imprenditori indipendenti (regime di Tozo). È ciò che riporta Het Financieel Dagblad sulla base di fonti provenienti da L’Aia.

La prontezza è più importante dell’accuratezza

Fino ad ora, lo schema Tozo non prevedeva praticamente alcuna condizione, poiché la velocità del supporto era più importante dell’accuratezza. Il Ministero degli Affari sociali ha fatto appello ai liberi professionisti per non abusare del sistema. Dalla sua introduzione, tuttavia, oltre 440.000 lavoratori autonomi hanno fatto domanda ai loro comuni, così da rendere necessarie delle condizioni precise, scrive FD.

Con una proroga del regime, i lavoratori autonomi, per ricorrere ad esso, devono dichiarare per iscritto che il loro partner ha entrate insufficienti. Questa dichiarazione funge da strumento per recuperare gli aiuti se sono stati indebitamente versati. Secondo il giornale, il ministero avrebbe anche considerato un test patrimoniale, pertanto i lavoratori autonomi dovrebbero prima utilizzare i loro risparmi o altri beni. Tuttavia, ciò implicherebbe troppo impegno.

Dubbi sulla praticità

Diverse sono state le reazioni ad un possibile test del partner. Il consigliere di Dordrecht Peter Heijkoop riferisce a FD che comprende l’introduzione di un test aggiuntivo. È consapevole che i lavoratori autonomi che fanno richiesta con consapevolezza quando il loro partner guadagna redditi insufficienti. Al tempo stesso, tuttavia, è preoccupato per la praticità di un test sul capitale. L’assessore di Amsterdam Rutger Groot Wassink sostiene inoltre che si sta già impegnando per elaborare le domande.

Il presidente Maarten Post della ZZP Nederland Foundation è preoccupato per l’elaborazione delle domande. “Vediamo comuni che non riescono più a tenere il passo e imprenditori che non hanno ricevuto un centesimo da marzo”, afferma nel FD. Inoltre, secondo il Post, il timore di un abuso di massa non è giustificato. Molti lavoratori autonomi con un partner benestante rinunciano già a sostenere se stessi.

L’estensione delle misure di sostegno sarà discussa venerdì nel Consiglio settimanale dei ministri, ma non sarà annunciata fino alla prossima settimana, secondo il FD.