CORONAVIRUS: GLI IMPRENDITORI POSSONO RICHIEDERE SPESE FISSE PER LE PMI

Gli imprenditori delle PMI che sono direttamente interessati dalle varie misure del Governo per contenere la diffusione del virus COVID-19 possono richiedere l’indennità fissa per le PMI (TVL) a  partire da martedì 30 giugno 2020. A seconda delle dimensioni dell’azienda, del livello dei costi fissi e del grado di perdita del fatturato, le società riceveranno un contributo per i loro costi fissi per giugno fino ad un massimo di 50.000 euro a settembre 2020.

Grande impatto

La segretaria di Stato Mona Keijzer (Affari economici e Clima) ha informato oggi la Camera dei rappresentanti che la TVL partirà da martedì 30 giugno 2020, alle ore 9:00, ora che la Commissione europea ha approvato il programma. Gli imprenditori possono richiedere l’indennità, che fa parte del secondo pacchetto di emergenza del Governo, tramite il sito web rvo.nl/tvl.

Afferma Mona Keijzer: “In seguito alla crisi del coronavirus, molte aziende devono fare tutto il possibile per sopravvivere. Ecco perché il Gabinetto sostiene gli imprenditori, ove possibile, per cercare di prevenire quanti più licenziamenti e fallimenti possibile. La precedente chiusura forzata e le attuali restrizioni su specifici settori da parte del Gabinetto hanno ancora un impatto notevole. Questo è il motivo per cui supportiamo tali aziende attraverso la TVL. E si cerca di compensare il fatto che il loro fatturato sia inferiore, mentre i costi fissi continuano. “

Condizioni TVL

Gli imprenditori delle PMI nei settori della ristorazione, attività ricreative, eventi, aree fieristiche, palcoscenici e teatri ricevono – oltre all’indennità salariale (NOW) – un’indennità esentasse dal Ministero degli Affari economici per pagare i costi fissi dei materiali. Da giugno a settembre 2020, le aziende dovranno perdere almeno il 30% del fatturato a causa della crisi dovuta al coronavirus. La quota di costi fissi del fatturato è di almeno 4.000 euro. Viene rimborsato un massimo del 50% di tale parte. L’indennità è pari ad un minimo di 1.000 euro e un massimo di 50.000 euro. Il regime può essere applicato per una volta fino al 30 ottobre 2020.

Circa 1,4 miliardi di euro sono disponibili a titolo di risarcimento per le aziende che impiegano oltre 800.000 persone. I settori interessati dal precedente schema TOGS sono elegibili per il TVL.

Continuano  anche i prestiti aggiuntivi, estesi o più accessibili e le garanzie alle piccole e medie imprese previsti nel primo pacchetto di misure di emergenza (BMKB, GO, KKC, SEED Capital). Esiste anche la seconda tranche (200 milioni di euro) del Corona Bridging Loan (COL), che contribuisce a migliorare la posizione di liquidità delle società innovative (start-up e scale-up).

A chi possono rivolgersi gli imprenditori?

I costi fissi per le PMI possono essere richiesti a partire da martedì 30 giugno tramite rvo.nl/tvl. Gli imprenditori fanno riferimento al prestatore, ad esempio la loro banca, per i piani di credito. Il regime di indennizzo dei salari (NOW ) passa attraverso l’UWV e il sostegno ai liberi professionisti (TOZO) attraverso il proprio Comune. Per misure le fiscali, gli imprenditori contattano il Tax and Business  attraverso belastingdienst.nl/coronavirus.