CORONAVIRUS: ESTENSIONE DEI PACCHETTI DI EMERGENZA PER OCCUPAZIONE ED ECONOMIA

Gli imprenditori e i lavoratori riceveranno un sostegno finanziario anche nelle prossime settimane a causa del prorogarsi dell’ impatto del virus COVID-19. Il primo pacchetto di misure di emergenza in merito ad occupazione ed economia continua e il Governo sta adottando nuove misure eccezionali. Ciò si è rivelato necessario perché sempre più lavoratori autonomi, imprenditori delle PMI e grandi aziende stanno riavviando la propria attività lentamente e talvolta in misura parziale, mentre altri sono ancora chiusi o senza incarichi. Il sostegno da parte del Gabinetto è quindi più mirato e ha cambiato le condizioni. L’obiettivo è preservare il più possibile i posti di lavoro. Ciò richiede che imprenditori e lavoratori nei Paesi Bassi si adattino ad una società e ad un’economia cambiate.

I ministri e i segretari di stato dell’Economia e del Clima (EZK), delle Finanze e degli Affari Sociali e dell’Occupazione (SZW) hanno annunciato il pacchetto alla Camera dei rappresentanti mercoledì. Queste misure fanno seguito al primo pacchetto di emergenza (17 marzo) e ai vari accordi economici provvisori con i quali quasi un lavoratore olandese su cinque è stato finora sostenuto. Centinaia di migliaia di aziende hanno già utilizzato uno o più schemi.

Il sostegno finanziario da parte del Gabinetto ad imprenditori e lavoratori rimane molto consistente. Tuttavia, non tutti i licenziamenti e i fallimenti possono essere evitati. In alcuni settori il recupero può richiedere anche molto tempo. Limitare il danno economico è una responsabilità condivisa della società e del Governo. I cambiamenti che gli olandesi devono continuare ad adottare l’uno con l’altro sono permanenti e radicali. Questo nuovo pacchetto di emergenza offre loro una copertura mirata per adattarsi ai tempi turbolenti che ci aspettano. Vi sono aziende che devono ridurre le proprie dimensioni o addirittura scomparire, ma vi sono anche nuove opportunità.

Tutti gli accordi nuovi o estesi, con eventuali adeguamenti, sono riportati nella Lettera al Parlamento. Di seguito sono riportati i principali annunci da parte del Gabinetto nel nuovo pacchetto di emergenza per il quale sono stati stanziati oltre 13 miliardi di euro.

Nuovo regime: indennità per oneri fissi per le PMI

Gli imprenditori delle PMI nel settore della ristorazione, dell’intrattenimento, degli eventi, dei centri fieristici, dei palcoscenici e dei teatri, tra gli altri, ricevono un’indennità esentasse dal Ministero degli Affari economici, oltre all’indennità per i salari (NOW), per pagare i costi fissi dei materiali. A seconda delle dimensioni dell’azienda, del livello dei costi fissi e del grado di perdita del fatturato (almeno il 30%), le società riceveranno un contributo per i costi fissi fino a un massimo di 20.000 euro per i prossimi tre mesi. 1 miliardo di euro è disponibile per aiutare le imprese che danno lavoro a oltre 800.000 persone. I settori interessati sono ammissibili nell’ambito del regime TOGS.

Sistema di estensione e adeguamento per la compensazione del costo del lavoro (NOW)

Un imprenditore che prevede una perdita di almeno il 20% del fatturato può richiedere un contributo sui costi salariali da UWV per giugno, luglio e agosto dal 6 luglio 2020. Ciò consente alle aziende di continuare a pagare il proprio personale. Lo schema NOW esteso applica lo stesso sistema di compensazione, ma anche il nuovo schema contiene delle modifiche.

Il supplemento fisso (forfettario) è aumentato dal 30 al 40 %. Il NOW contribuisce anche a costi diversi da quelli della manodopera. Il mese di riferimento per la fattura salariale sarà marzo 2020. Inoltre, nell’attuale sistema NOW, marzo è considerato anche il punto di partenza se lo statino dello stipendio per marzo-maggio è superiore a gennaio-marzo. Ciò è importante per le aziende con attività stagionali. Inoltre, una società che utilizza il NOW per quest’anno non può effettuare una distribuzione degli utili agli azionisti, pagare bonus al consiglio di amministrazione e alla direzione o riacquistare azioni proprie.

Nel NOW 2.0, la correzione della sovvenzione al licenziamento continuerà ad applicarsi, ma la sovvenzione non sarà più ridotta ulteriormente in caso di licenziamento commerciale. Con la nuova applicazione del NOW, le aziende dichiarano di consultare i sindacati se desiderano presentare domanda di licenziamento per oltre 20 dipendenti. Ciò è in linea con le norme relative ai licenziamenti collettivi. Anche la protezione legale in caso di licenziamento rimane in vigore.

I datori di lavoro che fanno domanda per il NOW sono tenuti ad incoraggiare i propri dipendenti a seguire un’istruzione e una formazione aggiuntive. I datori di lavoro rilasciano una dichiarazione in merito quando fanno domanda per il NOW 2.0. Per sostenere le iniziative delle parti sociali, il Governo stanzia 50 milioni di euro per tale scopo attraverso il programma di crisi della NL, che consentirà alle persone di seguire gratuitamente corsi di formazione online e raccomandazioni sul cambiamento da luglio per adattarsi alla nuova situazione economica.

Condizioni per il regime di ponti estesi per i lavoratori autonomi (TOZO)

Il Gabinetto sta estendendo il piano “ rilassato” per sostenere gli imprenditori indipendenti, compresi i lavoratori autonomi, in modo che abbiano maggiori possibilità di continuare la propria attività. I lavoratori autonomi possono ricevere un sostegno aggiuntivo al reddito per le spese di soggiorno dal loro comune. Fino alla fine di agosto 2020, ciò integra le entrate al minimo sociale e non deve essere rimborsato.

Lo schema esteso contiene un test di reddito per i partner. Ciò significa che solo le famiglie con un reddito inferiore al minimo sociale possono richiedere un’indennità per il sostentamento. In questo modo, il sostegno al sostentamento è finalizzato a garantire il minimo sociale a livello familiare.

Il sostegno può anche continuare a essere fornito sotto forma di prestito (massimo € 10.157) per il capitale circolante, ad un tasso di interesse ridotto. Agli imprenditori autonomi viene chiesto nel regime esteso di dichiarare che la loro società non ha moratoria o che la società non è in stato di fallimento.

Su richiesta della Camera dei rappresentanti, il Gabinetto sta lavorando ad una soluzione temporanea e praticabile per i lavoratori licenziati che non soddisfano le condizioni di disoccupazione o assistenza sociale. Oggi il ministro degli Affari sociali e dell’occupazione informerà separatamente la Camera dei rappresentanti.

Prolungamento delle misure fiscali

Il periodo durante cui gli imprenditori interessati possono presentare domanda di proroga fiscale è stato esteso fino al 1mo settembre 2020. Non è necessario pagare alcuna penalità di mora per i ritardi di pagamento. L’interesse fiscale e di recupero per tutte le attività fiscali è stato ridotto allo 0,01% fino all’1 ottobre 2020. Altre misure fiscali, come un allentamento del criterio orario per i lavoratori autonomi e l’interruzione del pagamento per gli obblighi ipotecari, saranno prorogate fino al 1mo settembre 2020.

Gli imprenditori ricevono immediatamente una proroga di tre mesi del pagamento con la prima richiesta. Per questi tre mesi, devono presentare una richiesta una sola volta (per il differimento di tutti i tipi di imposta). Gli imprenditori possono anche richiedere una proroga per un periodo superiore a tre mesi. È importante che le aziende abbiano quanta più disponibilità economica possibile. Per garantire questo extra, gli imprenditori devono posticipare per più di tre mesi il pagamento di dividendi e bonus o il riacquisto di proprie azioni.

Prestiti “corona” e garanzie agli imprenditori (BMKB, GO, KKC, COL)

Continuano i prestiti aggiuntivi, estesi o più accessibili e le garanzie alle piccole e medie imprese, le startup e le scale-up del primo pacchetto di emergenza. In questo modo, queste società mantengono o ottengono, ad esempio, il finanziamento bancario. Ciò riguarda i moduli “corona” del sistema di garanzia per le piccole e medie imprese (BMKB) e il sistema di garanzia delle finanze aziendali (GO), il nuovo sistema di garanzia per il credito “corona” alla piccola imprenditoria (KKC) e il maggiore budget del sistema SEED Capital.

Il prestito ponte Bridging (COL) che contribuisce a migliorare la posizione di liquidità delle imprese innovative (start-up e scale-up) riceverà una seconda tranche di 150 milioni di euro, considerato l’elevato numero di domande presentate.

A chi possono fare riferimento gli imprenditori?

Gli imprenditori riferiscono ad un prestatore, come una banca, per i piani di credito. Il regime di indennizzo per i costi salariali (NOW) passa attraverso l’UWV e il sostegno agli imprenditori autonomi (TOZO) attraverso il proprio comune. I costi fissi per le indennità delle PMI saranno resi disponibili tramite l’RVO. Gli imprenditori possono contattare l’Amministrazione fiscale e doganale olandese  per misure fiscali  tramite Belastingdienst.nl/coronavirus.