AGGIORNAMENTI DA PARTE DEL GOVERNO IN SEGUITO ALLA CONFERENZA STAMPA DEL 06/05/2020

“ Evitare la folla, mantenere 1,5 metri di distanza “

Da lunedì 11 maggio, potremo concederci un po’ più libertà di circolazione nei Paesi Bassi, tenendo sotto controllo il coronavirus. Il rispetto delle principali regole di base è più importante che mai.

Di seguito sono riportate le misure che valgono per tutti:

  • Lavarsi spesso le mani.
  • Tossire e starnutire all’interno del gomito.
  • Usare fazzoletti di carta per soffiarsi il ​​naso e poi gettarli via.
  • Non stringersi la mano.
  • Mantenere 1,5 metri (2 lunghezze del braccio) dagli altri.
  • Lavorare da casa il più possibile.

Sei malato?

  • Resta a casa con sintomi influenzali come raffreddore, naso che cola, starnuti, mal di gola, tosse lieve o aumento della temperatura a 38°C.
  • Hai anche febbre e / o difficoltà respiratorie? Allora anche chi vive con te deve restare a casa. Se non hai più sintomi per 24 ore, puoi uscire di nuovo.

Hai 70 anni o più e sei in salute?

  • Stai molto attento. Potrebbe essere saggio rimanere a casa il più possibile per il momento.
  • Evita la folla e assicurati i tuoi spazi.
  • Assicurati di poter sempre stare a 1,5 metri di distanza dagli altri.
  • Se quanto sopra non è possibile, vai altrove.

Passo dopo passo

L’approccio olandese al coronavirus per tenere sotto controllo le conseguenze della pandemia ha funzionato bene. Il rischio non è certamente scomparso, ma se adottiamo alle misure più importanti, ci sarà gradualmente più libertà di circolazione.

Il Gabinetto sta iniziando a regolare le misure a livello locale. Ciò determina poco traffico sulle strade e sui trasporti pubblici. Gli adeguamenti vengono quindi effettuati a livello regionale e, infine, a livello nazionale. I dettagli saranno elaborati prossimamente. Dall’11 maggio si applica quanto segue:

Scuola

  • Le scuole di formazione primaria, tra cui istruzione speciale (primaria), asilo nido e assistenza all’infanzia saranno aperte dall’11 maggio.

Sport e giochi

  • I bambini fino a 12 anni possono praticare sport e seguire insieme le attività sotto supervisione.
  • I giovani di età compresa tra i 13 e i 18 anni sono autorizzati a praticare sport l’uno con l’altro sotto supervisione, ma a una distanza di 1,5 metri tra loro.
  • Chiunque abbia più di 18 anni può praticare sport all’esterno a 1,5 metri l’uno dall’altro (quindi nessuno sport che implichi il contatto; l’insegnamento è possibile, ma senza alcuna successiva competizione).

Professioni che implicano il contatto

  • La maggior parte delle professioni che implicano il contatto sono nuovamente possibili. Ci si riferisce a istruttori di guida, professioni (para) mediche (dietista, massaggiatore, terapista occupazionale, protesista dentale, ecc.), impiegati in cure esterne (parrucchiere, estetista, pedicure, ecc.) e medicina alternativa (agopuntore, omeopata, etc.).
  • Il lavoro è organizzato per quanto possibile mantenendo una distanza di 1,5 metri.
  • Si lavora su appuntamento, per cui l’imprenditore / il dipendente e il cliente discutono in anticipo se la visita rappresenta un rischio.

Biblioteche

  • Le biblioteche aprono di nuovo le porte al pubblico e prendono misure in modo che i visitatori possano mantenere una distanza di 1,5 metri.

Mezzi pubblici

  • Utilizzare i mezzi pubblici solo se si ha davvero bisogno, evitare le ore di punta e assicurarsi i propri spazi.
  • In treno, autobus e metropolitana si consiglia di indossare maschere non ad uso medico. Ciò sarà obbligatorio dal 1° giugno.

A proposito di maschere per la bocca

In alcune situazioni non è possibile mantenere la distanza di 1,5 metri. Dal 1° giugno, pertanto, è obbligatorio per i viaggiatori e i dipendenti dei trasporti pubblici indossare maschere non ad uso medico. Per prevenire la scarsità nell’assistenza sanitaria, queste non dovrebbero quindi essere maschere per la bocca destinate all’assistenza sanitaria. Adottare delle misure precauzionali rimuove molti rischi per le professioni che implicano il contatto. Non è necessario indossare maschere per la bocca, ma ovviamente tutti sono liberi di usarle.

Il più lontano possibile

Le misure adottate a partire dall’11 maggio sono possibili perché i clienti dei settori menzionati provengono principalmente dal vicinato. Quindi non ci sarà alcuna pressione sui trasporti pubblici. I consigli sulla salute, come lavarsi le mani, possono anche essere facilmente seguiti da parrucchieri, ottici, pedicure e simili. Infine, con queste espansioni, il rischio di formazione di gruppi nello spazio pubblico è basso.

Vi è anche un sentito appello per un allentamento delle misure in altri settori, come quello della ristorazione. Il Governo comprende molto bene, perché le misure richiedono molto dai cittadini e le conseguenze sono determinanti. Questo è il motivo per cui il Governo vuole procedere con gradualità, insieme a istituzioni e organizzazioni che hanno pianificato la “società ad 1,5 metri di distanza”.

Il rilassamento delle misure è possibile solo se il virus rimane sotto controllo. La distanza di 1,5 metri rimane sempre valida. Se sarà davvero necessario, una decisione di consentire più libertà potrà e dovrà essere invertita.

Previsioni per il 1° giugno

Se il virus rimane sotto controllo, dovrebbe essere consentito quanto segue:

  • Istruzione secondaria (il modo in cui si svolgerà deve essere ulteriormente elaborato).
  • Terrazze con posti a una distanza di 1,5 metri.
    • Cinema, ristoranti e caffè e istituzioni culturali (come sale da concerto e teatri) sono autorizzati ad aprire, a condizioni: un massimo di 30 persone (compreso il personale) e 1,5 metri di distanza.
    • I visitatori devono effettuare prenotazioni.
    • In una conversazione preventiva tra imprenditore e cliente si stima se un appuntamento presenti rischi.
  • Musei e monumenti sono autorizzati ad aprire se i visitatori acquistano i biglietti in anticipo, in modo che possano essere mantenuti 1,5 metri di distanza.

Poiché probabilmente i trasporti pubblici diventeranno più affollati intorno al 1° giugno, ad un certo punto risulterà più difficile tenersi a 1,5 metri di distanza. Ecco perché tutti sono obbligati ad indossare maschere non ad uso medico sui trasporti pubblici a partire dal 1° giugno.

Previsioni per il 15 giugno

Se manteniamo il virus sotto controllo, l’istruzione professionale secondaria (MBO) può di nuovo sostenere esami e impartire lezioni pratiche. È in corso un piano per aprire ulteriormente l’MBO a tempo debito e riaprire l’istruzione superiore.

Previsioni per il 1° luglio

Se il virus rimane sotto controllo, i bagni e le docce comuni nei campeggi e nei villaggi turistici riapriranno il 1° luglio. Inoltre, si spera che il numero massimo di visitatori possa essere esteso a 100 persone per cinema, ristoranti e caffè, istituzioni culturali. Questo vale anche per riunioni organizzate, come servizi religiosi, matrimoni e funerali.

Previsioni per il 1° settembre

Se il virus rimane sotto controllo, l’attività verrà riaperta anche per le palestre, le saune e i centri benessere, le mense dei club, le caffetterie, i casinò e le prostitute.

Tutti gli sport di contatto e gli sport indoor saranno di nuovo possibili per tutte le fasce d’età. Le competizioni sportive potranno svolgersi senza un pubblico. Questo vale anche per il calcio professionistico.

Per eventi con un vasto pubblico, come festival e grandi concerti, si decreterà a partire dal 1° settembre.