1. Regime temporaneo di indennizzo delle spese salariali (Ministero degli Affari Sociali e del Lavoro)

Un imprenditore che prevede una perdita di fatturato almeno del 20% può richiedere presso l’Agenzia di assicurazione dei lavoratori (Uitvoeringsinstituut Werknemersverzekeringen o UWV) un sussidio salariale (al massimo per il 90% del salario che l’imprenditore deve retribuire, a seconda della perdita di fatturato) per un periodo di tre mesi. A seguito della richiesta, la UWV anticiperà l’80% del sussidio. Nessun lavoratore può essere licenziato per motivi economici durante il periodo di sovvenzione. Questa misura di emergenza temporanea per la conservazione del lavoro (NOW), istituita per consentire alle aziende di continuare a pagare il proprio personale, verrà messa in atto il prima possibile e sostituirà l’attuale regime di riduzione dell’orario di lavoro. Quindi da questo momento chi deve ancora presentare la domanda lo fara’ seguendo il nuovo schema varato dal Ministero degli Affari Sociali e del Lavoro, chi l’ avesse gia’ presentata verra’ d’ ufficio passato nel nuovo schema e quindi non deve fare niente. Le domande che sono già state presentate, ma non ancora risolte, saranno gestite secondo il nuovo schema. Gli imprenditori possono richiedere l’indennità per un calo del fatturato dal 1 ° marzo.

2. Supporto supplementare agli imprenditori indipendenti (Ministero degli Affari Sociali e del Lavoro insieme ai comuni)

Il gabinetto sta introducendo un accordo temporaneo per sostenere gli imprenditori indipendenti, compresi i lavoratori autonomi, in modo che possano continuare la loro attività. L’accordo sarà attuato dai comuni. I lavoratori autonomi possono ricevere un sostegno aggiuntivo al reddito per la sussistenza per un periodo di tre mesi attraverso una procedura accelerata. Ciò integra le entrate al minimo sociale e non dovra’ essere rimborsato. Per i professionisti e lavoratori autonomi, in questo regime non verranno fatte ne’ verifiche patrimoniali che verifiche sulle entrate dei partners.. Il sostegno è anche possibile sotto forma di un prestito di capitale circolante a un tasso di interesse ridotto.

3. Facilitazione del differimento delle imposte e riduzione delle ammende (Amministrazione fiscale e doganale)

Gli imprenditori interessati possono richiedere più facilmente un differimento delle imposte e le autorità fiscali interromperanno immediatamente le riscossioni. Questo vale per le imposte sul reddito, sulle società, sui salari e sul fatturato (IVA). Non è necessario pagare alcuna penalità predefinita per i ritardi di pagamento. Inoltre, non è necessario inviare immediatamente le prove delle difficoltà riscontrate per il pagamento, ma si avrà a disposizione più tempo per fornirle. L’interesse per il recupero che normalmente inizia dopo la scadenza del termine di pagamento è temporaneamente ridotto dal 4% a quasi lo 0% ( non ci sono quindi interessi di mora). Questo vale per tutti i debiti fiscali. Anche il tasso di interesse fiscale scende temporaneamente quasi allo 0%. Questa riduzione si applica a tutte le tasse soggette a interessi fiscali. Il gabinetto regolerà l’aliquota fiscale il prima possibile.

4.Ampliamento delle garanzie per i finanziamenti imprenditoriali (Ministero degli Affari Economici e del Clima)

Le aziende che riscontrano problemi nell’ottenere prestiti e garanzie dalle banche possono utilizzare il sistema di garanzia di finanziamento delle attività (GO). Il gabinetto propone di aumentare il massimale di garanzia del GO da 400 milioni a 1,5 miliardi di euro. Con il GO, il Ministero degli Affari Economici e del Clima punta ad aiutare sia le PMI che le grandi aziende, con una garanzia del 50% sui prestiti bancari e sulle garanzie bancarie (minimo 1,5 milioni – massimo 50 milioni di euro per azienda). Il massimo per azienda è temporaneamente aumentato a 150 milioni di euro. Il Consiglio dei Ministri si impegna a fornire tutto lo spazio di garanzia richiesto. 5. Sconto sugli interessi per i piccoli imprenditori sui microcrediti Qredits (Ministero degli Affari Economici e del Clima) Qredits, fornitore di microcrediti, finanzia e forma un grande gruppo di imprenditori piccoli e in fase di avviamento, i quali spesso trovano difficoltà a ottenere finanziamenti attraverso la banca. Questi includono imprenditori nella ristorazione, commercio al dettaglio, cura personale, edilizia e servizi alle imprese. Qredits adotta una misura per far fronte ad una crisi temporanea: ai piccoli imprenditori colpiti dal problema del virus Covid-19 viene offerto un rimborso di sei mesi e l’interesse durante questo periodo viene automaticamente ridotto al 2%. Il Gabinetto sostiene Qredits per questo provvedimento per un ammontare massimo di 6 milioni di euro.

6. Garanzia temporanea per le aziende agricole e orticole (Ministero dell’Agricoltura, della Natura e della Qualità degli Alimenti)

Per le aziende agricole e orticole, sarà prevista una garanzia temporanea per il capitale operativo nell’ambito del sistema di garanzia per i crediti agricoli delle PMI (BL). In questo modo, il Gabinetto garantisce i crediti degli imprenditori agricoli. Il Gabinetto ha intenzione di fornire al più presto questa temporanea espansione del BL.

7. Consultazione sulla tassa di soggiorno (governo centrale / comuni e settore culturale)

In accordo con l’Associazione dei Comuni Olandesi (VNG), il Gabinetto sta discutendo la possibilità di porre fine ai (provvisori) attacchi locali agli imprenditori e di ritirare le valutazioni imposte alle imprese. Ciò riguarda in particolare la tassa di soggiorno. Inoltre, il Governo è in consultazione con il settore culturale per potersi collegare con misure generiche e qualsiasi specializzazione, se necessario. 8. Sistema di compensazione per i settori colpiti (Ministero degli Affari Economici e del Clima) Le misure adottate dal Governo in ambito sanitario hanno notevoli conseguenze sull’utile, soprattutto per determinati settori.

Ad esempio, la chiusura (obbligatoria) di negozi di cibi e bevande e le cancellazioni nel settore turistico. Inoltre, sarà difficile recuperare tale utile una volta superata l’emergenza del coronavirus. Pertanto, il Gabinetto sta elaborando un sistema di compensazione con misure adeguate per le aziende nei settori sopracitati. Ciò al momento è in fase di elaborazione e sarà presentato con urgenza alla Commissione europea per la valutazione di (ammissibili) sussidi statali.

A chi possono fare riferimento gli imprenditori? Le banche possono presentare richieste per i sistemi di credito esteso (BMKB e GO) alla e Netherlands Enterprise Agency, l’organizzazione esecutiva del Ministero degli Affari Economici e della Politica Climatica. Gli imprenditori lo notificano al proprio prestatore. Gli imprenditori possono contattare l’Amministrazione fiscale e doganale olandese in merito alle misure fiscali tramite Belastingdienst.nl/coronavirus. I sistemi del Ministero per gli Affari Sociali e l’Impiego saranno aperti al più presto.

Per ulteriori domande in merito al coronavirus, le aziende possono consultare Rijksoverheid.nl/coronavirus o RIVM. Oppure consultare il sito web della Camera di Commercio. Non riesci a trovare la risposta alla tua domanda? Chiama l’Advice Team al numero +31 (0)800 2117.